Scrubber

Installiamo colonne di assorbimento (scrubber) in quanto esse sfruttano il principio dell’assorbimento, un operazione basata sul trasferimento di una sostanza dalla fase gassosa alla fase liquida. Li installiamo principalmente su effluenti gassosi contenenti ammoniaca, composti basici vari, composti acidi vari, composti organici vari e odori. All’interno di essi inseriamo un solvente d’abbattimento, in generale utilizziamo sostanze poco pericolose, poco costose e con una forte interazione in fase liquida con la molecola inquinante. Essendo l’assorbimento inteso come un’operazione di eliminazione di un inquinante, deve essere chiara la destinazione di quell’inquinante una volta assorbito. La scelta che permette la massima efficienza di assorbimento, a parità di consumo di solvente e numero di stadi, è il sistema in controcorrente, realizzato in scrubber nei quali il liquido entra dall’alto e scende a contatto controcorrente con il gas alimentato dal basso. Solitamente utilizziamo colonne riempite con materiali a grande superficie specifica, le quali vengono completamente bagnate.

Un rapporto Diametro/Altezza non correttamente dimensionato riduce drasticamente le rese di abbattimento. Nello specifico, il moto del gas attraverso il riempimento è normalmente di tipo turbolento e la perdita di carico varia in funzione del quadrato della portata; passando dal flusso di gas nella colonna secca al flusso di gas nella colonna bagnata, la perdita di carico aumenta con l’aumentare della portata di liquido alimentato. All’aumentare della velocità del gas aumenta la quantità di liquido trattenuto dal riempimento, fino a che la perdita di carico assume un incremento molto più rapido, dovuto al fatto che il gas deve sostenere ed attraversare consistenti livelli di liquido. Questo punto è noto come il punto di allagamento, in quanto in questo regime l’apparecchiatura è completamente sbilanciata e si formano trascinamenti di liquido e by-pass di gas che riducono l’efficienza di assorbimento. Una caratteristica importante del riempimento e la sua bagnabilità, cioè la quantità minima di liquido da alimentare alla colonna per garantire un film liquido su tutto il riempimento. La nostra esperienza nel funzionamento e gestione del processo e l’opportuno dimensionamento della colonna, possono evitare questo fenomeno.

I nostri lavori

04030

SCRUBBER

Scrubber a umido per l’abbattimento di polveri e caprolattame provenienti dai forni di filatura del Nylon.

Settore Tessile

Visualizza progetto

26717

SCRUBBER

Scrubber ad olio a piatti forati che sfrutta l’interazione degli inquinanti da rimuovere in uscita dalle macchine di filatura del polipropilene, mediante l’utilizzo di olio minerale. Il raffreddamento dell’olio di lavaggio ha permesso di condensare (mediante il raffreddamento con scambiatore di colore a fascio tubiero alimentato con acqua di pozzo) i polimeri presenti nell’emissione.

Settore Tessile

Visualizza progetto

44711A

SCRUBBER

Rimozione dell’ammoniaca contenuta nelle acque di lavaggio provenienti dall’acidatura del vetro piano, mediante un sistema di abbattimento costituito da una colonna di strippaggio con aria ed una di lavaggio con acqua.

Settore Vetro

Visualizza progetto

FIDIA ENGINEERING S.r.l.

Sede legale: Via Enrico Fermi 32 – 24020 Scanzorosciate (BG)

Sede operativa, magazzino e officina: Via A. Moro 1 – 24020 Scanzorosciate (BG)

Cap. Soc. € 500.000,00 i.v.

R.I. BG, Cod. Fisc. e P.I. 02887960165

Cod. Univoco SUBM70N

REA 331280

Mettiti in contatto con noi

+39 035.6594550

info@fidiaeng.it